Nel 2014 la Congregazione dei Servi della Carità, grazie al contributo di alcuni benefattori, avvia la costruzione di un complesso con l’obiettivo di:

  • creare i presupposti affinché la persona disabile sia valorizzata nella sua dignità e possa ricevere risposte ai propri bisogni in modo globale, attraverso l’opera caritativa del carisma guanelliano esplicitato nel Progetto Educativo Guanelliano di riabilitazione del disabile;
  • creare una struttura pilota nel territorio per il servizio ai disabili, che sia anche promotrice di un cambiamento culturale volto a responsabilizzare il territorio stesso affinché si prenda cura delle persone disabili, coinvolgendo le istituzioni sociali, politiche e religiose;
  • dotare il territorio di un luogo dove persone diversamente abili possano potenziare le proprie capacità cognitive affinché, laddove fosse possibile, possano apprendere le nozioni di base della lettura e della scrittura;
  • formare il personale sia professionalmente (che pedagogicamente – non capisco cosa intendi dire);
  • fornire un servizio non presente sul territorio.

Inizialmente la struttura, pensata come un centro diurno, ben presto si è rivelata poco adeguata per un’adeguata accoglienza di persone con sindrome di Down, paralisi cerebrale, autismo e ritardo mentale che necessitano di una costante riabilitazione fisioterapica e ampi spazi ricreativi. È anche emersa in modo preponderante la necessità di un centro residenziale, dove ragazzi e ragazze potessero restare tutta la settimana, evitando così la problematica del trasporto che nel tempo si è rivelato difficile da gestire sia da parte delle famiglie, che spesso non accompagnano i propri figli per problemi ogni giorno differenti, sia da parte della comunità guanelliana che con il pulmino non riesce comunque a raggiungere tutti coloro che frequentano o vorrebbero frequentare il Centro.

Lo scorso anno ASCI si è presa a cuore questo progetto e ad ottobre 2019 ha inviato i fondi necessari a concludere i lavori utili per la conversione della struttura in un Centro residenziale, con spazi più adatti alle necessità delle persone diversamente abili accolte. Dal mese di dicembre 2019, i ragazzi hanno cominciato a vivere dentro la casa anche se ci sono alcuni piccoli interventi da concludere. 

Il progetto continua e tanto c’è ancora da fare per il mantenimento e lo sviluppo delle attività all’interno del Centro.

Dona ora per questo progetto

Scegli uno dei nostri progetti Scegli la frequenza e l’importo della donazione
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

FILIALE DI COMO:
CONTO CORRENTE POSTALE: 70815618
BANCA POPOLARE DI SONDRIO FILIALE 073 COMO: IBAN IT28 S056 9610 9010 0000 9059 X12

FILIALE DI ROMA:
CONTO CORRENTE POSTALE: 70767314
BANCA POPOLARE DI SONDRIO FILIALE 082 ROMA: IBAN IT63 O056 9603 2040 0000 7320 X53

Totale Donazione: €10,00

Rehabilitation Centre Owerri - Nigeria